Sossoddisfazioni!

NOVITÀ!!! E sono finito pure sul giornale australiano “The Vine”!!!

Adesso basta inglese, si torna alla lingua del sì.

Devo ammettere che questo mese è iniziato in un modo davvero inaspettato, con tutta ‘sta storia di Webdriver Torso. Ha ricevuto più visualizzazioni il mio ultimo articolo di sei mesi di attività sul blog. Al momento mi ha portato 7093 visualizzazioni, con il record giornaliero di 2728, eclissando del tutto il buon risultato ottenuto con il coefficiente Biscottina e addirittura portando il mio blog fra i top20 di WordPress.

E come se non bastasse, Pindaricamente mi segue. Son cose, ragazzi, son cose.

Oddio, non è che adesso la mia vita sia cambiata, eh. Però fa piacere constatare che per una volta nella vita sono riuscito a svelare un mistero mondiale prima di tutti, considerando che viviamo in un’epoca in cui non si ha nemmeno la possibilità di ottenere la paternità di uno scoreggio senza che un ingegnere cinese non lo abbia registrato per prima, dieci nanosecondi dopo. Per colpa delle nuove tecnologie questi botta e risposta sono quasi istantanei. Immaginate se Thomas Edison avesse avuto un account Twitter.


Il tagliaunghie? L’ho inventato io!
Il panzerotto al forno? L’ho inventato io!
Il Magic Bullet? L’HO INVENTATO IO!

Sono un probabilista puro, ma a volte siamo qualcosa in più di un rapporto tra eventi favorevoli ed eventi possibili.

Mi fa davvero piacere che un giornalista americano, Brendan O’Connor, mi abbia addirittura citato nel suo articolo sul The Daily Dot. Eppure dopo tutta questo tormentone ho capito una cosa: i misteri sono più eclatanti delle loro soluzioni. Fa più clamore ipotizzare che questi video siano di provenienza aliena, o che siano una forma di lavaggio del cervello degli illuminati, oppure che siano messaggi in codice di spie o Hacker o compagnia bella, piuttosto che ammettere che alla fine è un’altra iniziativa di Google.

Perché sì, lo so che siete voi. Ragazzi di Google Zurigo (Padraig, Matei, Ekaterina e compagnia bella) dovreste piantarla di fare gli gnorri. Fate coming out e ammettetelo. Ho raccolto troppe prove. Non mi fregate.

Anch’io avrei voluto che la soluzione fosse stata più sensazionale. La mia soluzione ideale sarebbe stata che “Matei is highly intelligent” andava anagrammato, ottenendo “I ET am, highly intelligent is” e suggerendo che in realtà Webdriver Torso si stava riferendo a un’entità aliena altamente intelligente ma che stranamente non riesce a coniugare i verbi.

Sì, Matei poteva essere benissimo Yoda. E Webdriver Torso è chiaramente R2D2. Tutti quei messaggi in codice e i collegamenti con la Francia? Ovvio, R2D2 sta trasmettendo il genoma di Charles De Gaulle su Youtube. D’altro canto, R2D2 ha un ruolo primario nelle Guerre Stellari, quindi adesso sappiamo che è un bidone contenente il DNA del generale, costruito per affermare i principi democratici della rivoluzione Francese fino ai confini dell’Universo. Tadaaa.

Invece no, è solo Google Zurigo.

Comunque meriterei un premio per aver risolto il mistero. Nel mio piccolo, depennerò l’attività 16, “analizzare un problema nuovo”. Ma se Google mi volesse assumere come analista dati, o almeno mi regalasse un paio di Google Glass, non è che rifiuto, eh!

Did you hear that!?! As a reward for discovering the mystery, you could hire me, or at least give me a pair of Google Glass!

Ok, torniamo alla normalità e agli articoli cazzari. È finita la gloria.

21

Annunci

59 thoughts on “Sossoddisfazioni!

      • per cooptarti nel prossimo complotto mysterioso e negare a noi comuni mortali la soluzione di misteri di cui francamente nn importa una cippa….hai ragione soncose!!

      • Alla fine, nella vita bisogna pure appassionarsi a qualcosa, no? C’é a chi piace la pesca, io mi interesso di fesserie. 🙂

  1. Io sono fiera di te e anche molto commossa. È come se avessi assistito alla tua laurea dopo un percorso super difficile, o al tuo matrimonio dopo una storia super problematica. Te lo giuro sono troppo felice dei tuoi successi meritati!! Anche se rimani un cazzaro completamente fuori di testa. :*

    • Ehi, sei troppo gentile. Diciamo che in questi brevi momenti di successo, sento il dovere di citare la profondità di Emma Marrone: “To want is to can”. Nonostante tutto, resto sempre il cazzaro di campagna di sempre, che gioca con gli scoiattoli e si nutre di carrube.

      Grazie troppe! 🙂

  2. Secondo me questo articolo dovrebbe avere piú visualizzazioni di quello del webdrive, e meno di quello della biscottina, perché qui hai tirato fuori i controcoglioni ed hai detto tutto chiaramente come stava. Yoda, R2D2 e De Gaulle!

  3. Ammazza quante cose belle ti sono successe in pochi giorni! Ti sei però scordato di scrivere nel post che proprio all’inizio del mese ho cominciato a seguirti. E questa si che era una notizia degna di essere menzionata. Pazienza, sono sicura che prossimamente scriverai un post ad hoc! 🙂

  4. I’m speechless.

    Non pensavo proprio che citarti in quel post avrebbe portato a tutto questo! In ogni caso, mi aggrego anch’io ai complimentanti. Ti seguo da relativamente poco tempo, ma te la meriti tutta questa botta di notorietà 😉

      • Di quei 2997, ben 13 si sono presi la briga di passare pure da me. Che lusso la notorietà riflessa, eh? 😀
        Comunque noto solo ora gli update all’articolo originale, a questo punto spero davvero che qualcuno di Google si faccia sentire presto!

  5. Mi hai fatto venire in mente quell’episodio in cui Homer Simpson voleva fare l’inventore e poi ogni cazzata che pensava l’aveva inventata Thomas Edison…..

  6. Oh, finalmente non devo star lì tutto il tempo con gugol transleit. Che l’ultimo post ci ho capito che gli aglieni hanno un canale iutiub e fanno i videi per aziende fatte di nerd.
    Comunque non saranno certo i miei complimenti a gasarti di più, anche perché te li avevo già fatti. Una volta ok, due diventa gentilezza da inviti a cena e palpate alle tette.
    Quindi mi limiterò a dire che è stato un piacere conoscere anticipatamente colui che ha risolto un dubbio sul quale le persone contavano l’intervento del cast di Voyager (o di Hell’s Kitchen).
    E comunque piace anche questo articolo, brav…ah, no. Troppa gentilezza, giusto…

      • Fortuna non ho ancora mangiato.
        Però ti voglio bene. Platonicamente parlando.
        Il tipico “volersi bene platonico”.

      • Non vale usare l’inglese. I love you può voler dire anche ti voglio bene. A me questi giochi di parole proprio non piacciono, perché io non faccio MAI doppi sensi.
        Ne faccio di tripli, o multipli maggiori di 2.

      • Sei un tipo complicato. Io preferisco i sensi unici, tipo “cacca”, “tette”, “cocchina”, “chiappe” e “faccela vedé”. Abbiamo bisogno di chiarezza in questi tempi bui.

      • Hai ragione a essere diretto. Eviti fermate inutili che poi i passeggeri si lamentano dei ritardi, che non arrivano mai perché ci sono troppe fermate…
        Però secondo me è questo il bello. Confondere per non fare chiarezza. I tempi sono bui? E’ giusto conformarsi all’oscurità e celare ciò che si vuol dire veramente. Ma come dice il detto “Mogli e bui dei paesi tui”, ognuno fa quello che vuole!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...