Pònzi Pònzi Pòm Pòm Pòm*

Perché mi piace iniziare facile.

Sono tornato ieri in Italia per passare le vacanze di Natale a casa. Abbigliamento rilassato: pigiamone, vestaglia e ciabatte “Arizona” by Patrizia. Poiché credo che per tutto il resto della giornata non farò nulla di significativo (anche perché quando sei in ferie anche l’esistenzialismo prende una pausa), ho deciso di depennare la mia prima attività: tenere la contabilità.

Perché ho un diploma di ragioneria. Cento su cento, come nel gioco della Zanicchi. Ammirasi!

Diplomazzo(sì, è stato rilasciato da un ISTUTO tecnico commerciale. Ma si sa, il refuso contribuisce alla rarità).

Per capire la contabilità generale bisogna abbracciare la Sacra Trinità, ossia la scrittura di partita doppia che rappresenta il punto di partenza dell’intera disciplina. E non sarò io a spiegarla, ma direttamente Luca Pacioli, in un latino improvvisato.

Da Wikipedia“Merci Conto Acquistis, IVA Creditum Nostrum A Debitum versus Fornitoris”

Comprendere la Sacra Trinità (specialmente la contabilizzazione dell’IVA come un credito in un acquisto di merce, concetto assurdo per un adolescente) è un’evoluzione scolastica. Mi ci vollero un paio di quattro sul registro per capirla bene, ma una volta appresa la mia vita cambiò: nei compiti in classe, da copiatore diventai copiato.

Considerando che a scuola non ero esattamente il capitano della squadra di football, essendo panzettino, pessimo a calcio, bruttino, frignone, senza scooter né nike squalo, diventare il punto di riferimento dei miei amici durante i compiti in classe di economia aziendale era per me un grande traguardo sociale.

Oddio, ora che ci penso, anche avere l’acne era un traguardo sociale. Ricordo ancora quante preghiere per avere i brufoli come gli altri ragazzi. Solo con gli anni ci si rende davvero conto che da piccoli davamo troppa importanza a emerite minchiate, giusto per apparire più grandi ed essere notati da ragazzine con l’apparecchio che sviluppavano a fatica le prime tettine.

E 21 crebbe e arrivò a diciannove anni. Ricorda ancora la sua scelta universitaria: “Papà, voglio iscrivermi alla facoltà di economia, perché da grande voglio fare il contabile!”

Cristo, a nove anni di distanza la mia scelta di vita sembra audace e intrepida come quella di Grisù il draghetto. Comunque, attività svolta. Venti to go.

Semper cazzutis, mi raccomando.

21

* L’accento sulla O è voluto, per evitare possibili associazioni con schemi truffaldini e soldi facili.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...